Giugno, tempo di dieta: conto alla rovescia in vista del mare!!!

Running shoes on the floor
Siamo a Giugno e ormai non c'è più tanto tempo per liberarsi di quei 4-5 chili accumulati durante l'inverno. Perdere peso per la prova costume: nuove teorie,regimi sempre più duri, libri, riviste e app. Ma funzionano davvero?
Ci sono diete che promettono dimagrimenti molto rapidi, attraverso tisane, alimenti sostitutivi, depurazioni e digiuni. C'è anche chi segue un programma personalizzato con tanto di app sul proprio iPhone: un business colossale.
Chi sceglie di mettersi a “dieta” in questo periodo dell'anno lo fa soltanto per perdere peso il più rapidamente possibile, anche se in modo errato e sottoponendosi a restrizioni che definire penalizzanti è dir poco: queste persone non sanno che tra qualche mese si ritroveranno sul girovita tutti i chili persi e forse anche qualcosa in più.
Perdere peso non è facile, soprattutto è necessario abbinare l'attività fisica ad un regime alimentare sano ed equilibrato che si sceglie di intraprendere affidandosi ad un esperto.
Non c'è molto tempo, è vero ma con una dieta equilibrata e un aumento dell'attività fisica perdere da 3 a 5 chili in 1-2 mesi non è impresa impossibile. Ne deriverà sicuramente un vantaggio estetico e un vantaggio della massa muscolare.
Uno degli errori più comuni è cercare di digiunare per dimagrire più in fretta. Se digiuno è ovvio che perdo peso, ma è sano? Non perdo mica solo grasso. E' impossibile, 1kg di grasso vale circa 7000 calorie, così si perdono per lo più muscoli e liquidi.
Ogni anno arriva una dieta nuova, che cancella quella dell'anno precedente: Dukan,Tisanoreica,Herbalife,ecc..come mai così tante ogni anno? La risposta è semplice: perché non funzionano, sono squilibrate, a volte sono dannose al fisico, non danno indicazioni serie e si riprendono tutti i chili perduti.
Molte delle diete più in voga sono in realtà dei regimi iperproteici, che aiutano a perder peso ma che non possono essere protratti a lungo: non sono pericolose se si è in buona salute, se si devono perdere fino a max 3 chili e se si seguono per un massimo di 3 settimane.

Altro punto importante è la distribuzione dei chili in più e lo studio della propria composizione corporea. La bilancia pesa il totale ma un conto è il grasso sulle cosce e un'altro è quello molto più pericoloso sul girovita. Se misurando la circonferenza ombelicale si superano gli 80 cm per le donne e i 95 per gli uomini, meglio lasciar perdere i libri e andare da un bravo nutrizionista e segnarsi in palestra.

A questo punto è fondamentale parlare del mantenimento del dimagrimento raggiunto: la cosa più importante è stabilizzare il peso, cambiare i propri comportamenti alimentari, fare sacrifici a tavola e allenarsi in modo costante.
Appare chiaro detto questo che la logica del tutto e subito non appartiene alla natura!!!